Accoglienza migranti

Incontro SPRAR: smorzate le polemiche. A breve incontri in tutti i quartieri di Nuoro

Entusiasmo tra i giovani presenti e neolaureati in cerca di occupazione.

Ieri si è tenuto a Nuoro presso il salone Attilio Deffenu nel quartiere di San Pietro, ospite della locale parrocchia del Rosario, il primo incontro organizzato dal Comune di Nuoro per informare la cittadinanza sul Sistema di Protezione Richiedenti Asilo e Rifugiati (S.P.R.A.R.). In un'affollata assemblea, cui sono intervenuti il Sindaco di Nuoro Andrea Soddu, l'Assessora ai Servizi Sociali Valeria Romagna, il Presidente della Commissione Servizi Sociali Graziano Siotto, diversi consiglieri di Maggioranza e il parroco Don Totoni Cossu, l'Amministrazione comunale non si è sottratta al confronto e ai timori emersi da parte dei numerosi residenti presenti. Tra i partecipanti anche i referenti dell'associazione Migrantes che, proprio nel quartiere, ha attivato da tempo un progetto volontario di accoglienza ed integrazione ospitando circa quaranta migranti provenienti da nazioni differenti e che, in tempi diversi, son transitati tra le mura della cosiddetta "Casa Moro", esempio di civilità nel cuore della Città di Nuoro. Il pubblico presente, composto in larga parte di giovani cittadini, molti neolaureati e alla ricerca di occupazione, ha espresso anche entusiasmo e aspettativa dall'adesione del Comune di Nuoro alla rete S.P.R.A.R., sia in termini di ricaduta economica diretta tramite i canoni di locazione per le famiglie che mettono a disposizione un posto letto per i rifugiati, sia per le figure di mediatori culturali, linguistici, educatori e psicologi che dovranno costituire l'equipe multidisciplinare prevista dalle linee guida S.P.R.A.R. Un incontro democratico e dai toni pacati che smorza le polemiche sorte nelle ultime settimane sopratutto sui social network. L'Amministrazione ha garantito il susseguirsi a stretto giro degli incontri in tutti i quartieri di Nuoro.

Categoria:

Regione: